Lavoro irregolare, la Finanza a Iglesias scopre l’industria che evadeva l’Irpef

L’attività ispettiva ha permesso di rilevare che il soggetto economico, per gli anni d’imposta 2016, 2017 e 2018, ha omesso il versamento delle ritenute d’acconto ai fini IRPEF operate sulle buste paga a fronte di stipendi e T.F.R. corrisposti al personale dipendente, per un importo complessivo pari a 6.950 euro

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso un controllo fiscale nei confronti di una ditta individuale di Iglesias operante nel settore dell’industria.

Il target selezionato è stato individuato a seguito di specifica attività di intelligence che ha coniugato le risultanze dell’attività di controllo economico del territorio e l’analisi delle numerose informazioni contenute nelle banche dati in uso al Corpo.

Nella circostanza, l’azione dei Finanzieri, è stata diretta all’accertamento della presenza di eventuali lavoratori “in nero” e/o irregolari, alla verifica degli adempimenti previsti dalla normativa fiscale, relativi alla tenuta delle scritture contabili da parte del datore di lavoro quale sostituto d’imposta nonché, al corretto adempimento del versamento delle ritenute operate dalle stesse aziende, sui redditi da lavoro corrisposti ai dipendenti.

L’attività ispettiva ha permesso di rilevare che il soggetto economico, per gli anni d’imposta 2016, 2017 e 2018, ha omesso il versamento delle ritenute d’acconto ai fini IRPEF operate sulle buste paga a fronte di stipendi e T.F.R. corrisposti al personale dipendente, per un importo complessivo pari a 6.950 euro.

Le attività sopra descritte rientrano nell’ambito delle funzioni di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza e sono volte da un lato a contrastare i fenomeni di sfruttamento dei lavoratori e dall’altro ad assicurare le entrate delle risorse finanziarie che vengono sottratte, oltre ai fini fiscali, sotto il profilo previdenziale ed assistenziale.   


In questo articolo: