L’Associazione Enti locali per le attività Culturali e di Spettacolo si espande: il presidente sarà Delunas

L’Associazione Enti locali per le attività Culturali e di Spettacolo cresce e passa da 83 Comuni associati a 86, con l’acquisto in squadra del Comune di Cagliari insieme a quello di Laconi e Orroli. Il Comitato Direttivo dell’Associazione ha inoltre nominato Presidente il consigliere Stefano Delunas, Vice Presidente Gian Luigi Marras

L’Associazione Enti locali per le attività Culturali e di Spettacolo cresce e passa da 83 Comuni associati a 86, con l’acquisto in squadra del Comune di Cagliari insieme a quello di Laconi Orroli. E’ stato così deliberato dall’assemblea dei soci, che si è riunita lo scorso 23 luglio nell’ Ex Cappella, in viale Ciusa n. 21, in seconda convocazione per deliberare l’approvazione del verbale della seduta precedente del 16 luglio 2018, del Bilancio al 31.12.2018 e del Bilancio di previsione 2019. E ancora la nomina nel Comitato Direttivo di due rappresentanti dei Comuni soci, l’adesione di nuovi soci e della relazione sulle attività e i progetti dell’anno 2019.

L’Assemblea dei soci, a seguito della decadenza di tre consiglieri, ha eletto nel Comitato direttivo dell’Associazione Stefano Delunas (rappresentente del Comune di Quartu Sant’Elena), Gian Luigi Marras (rappresentante del Comune di Capoterra) Igor Lobascio (rappresentante del Comune di Calasetta). Il Comitato Direttivo dell’Associazione ha inoltre nominato Presidente il consigliere Stefano Delunas, Vice Presidente Gian Luigi Marras.

“Sono molto soddisfatto – ha detto il presidente Delunas – dell’acquisizione dei tre nuovi Comuni all’interno dell’Associazione. L’Ente sta crescendo e ha sempre più forza e credibilità nei territori, l’ingresso di Cagliari poi, che rappresenta anche tutta l’area vasta e la Città Metropolitana, darà nuovo impulso alla rete degli spettacoli e ci consentirà di lavorare ancora meglio sui territori. Tra i vari progetti, che sveleremo poi, ci sarà la terza edizione di Rete Lollas, con i Comuni di Quartu, Selargius, Capoterra, Maracalagonis, Sinnai e Monserrato. E’ mia intenzione inoltre portare all’attenzione del nuovo direttivo il Cammino di San Giovanni Battista, da inserire nella programmazione del prossimo anno, e che coinvolga i Comuni che hanno una forte tradizione intorno alla figura del Santo, e alla festa pagano religiosa”.


In questo articolo: