La variante inglese cresce a La Maddalena: “14 nuovi casi ma basta con la caccia agli untori”

Il sindaco conferma la zona rossa e il lockdown: “Situazione complessa, ma evitiamo inutili cacce alle streghe: essere positivi non è una colpa”

“La variante inglese sta dimostrando essere particolarmente contagiosa. Negli ulteriori dati che ho ricevuto oggi si evince chiaramente. Dallo screening alla popolazione, su 26 positivi, 14 sono risultati essere variante inglese e vanno dunque a sommarsi ai 10 dichiarati in precedenza. La crescita in un mese esatto è stata esponenziale e sono questi i dati sui quali bisogna far affidamento per comprendere la necessità di proteggere la città e prorogare la zona rossa per un totale di 14 giorni come richiesto dall’Igiene pubblica”. A dirlo è Fabio Lai, sindaco de La Maddalena, che conferma la zona rossa per un’altra settimana. Con questi numeri, insomma, sembra proprio impensabile eliminare il lockdown duro nell’isola sarda.
“La situazione è già complessa così com’è. Vi prego evitiamo inutili cacce alle streghe e agli untori. Essere positivi non è una colpa. So benissimo che il paese è diviso tra chi avalla questa scelta e chi invece vorrebbe entrare nella zona bianca”, osserva Lai. “Comprendo anche che in questo momento sono le famiglie con partita iva quelle che stanno subendo maggiormente le ripercussioni di questi provvedimenti ed è per questo che insieme al sindaco di San Teodoro e Bono abbiamo sottoscritto un documento comune attraverso il quale chiediamo alla regione Sardegna di prevedere, per le nostre città, dei ristori economici a favore dei commercianti che hanno dovuto chiudere le proprie attività nel periodo di zona rossa. Non voglio credere che debba essere necessario raddoppiare i controlli per far rispettare le regole per tutelare i nostri figli, le nostre famiglie ed i nostri concittadini. Sono il buonsenso e la responsabilità che in questo momento devono prevalere per poter uscire il più presto possibile da questa storica situazione di emergenza che coinvolge tutti noi”.