La variante Delta si abbatte sulla Sardegna, impennata dei contagi: +212% in una settimana

Piena estate e numeri preoccupanti per l’Isola, boom di nuovi casi soprattutto nel Cagliaritano e nel sud Sardegna, con aumenti sino al +400%. Reggono l’urto gli ospedali, 4% dei letti occupati in reparti standard Covid e appena l’1 in terapia intensiva: tutti i numeri

I campanelli d’allarme c’erano già stati, tra “il rischio di Cagliari in zona rossa con le vecchie regole”, come detto dal sindaco Paolo Truzzu solo due giorni fa, e vari Comuni isolani che segnano contagi a doppia cifra. Ora arrivano anche i numeri della Fondazione Gimbe: aumento del 212,5% dei casi tra il quattordici e il venti luglio in tutta l’Isola, nella rilevazione di una settimana fa la cifra era del 202 per cento. E, in particolare, si segnalano i casi della Città Metropolitana di Cagliari, con un crescendo di nuovi positivi accertati che porta, sempre dal 14 al 20 luglio, a 620 casi e a un più 226,3%. Non se la passa meglio, sempre stando ai dati della Fondazione Gimbe riportati anche dall’Ansa, l’area geografica del sud dell’Isola: più quattrocento per cento e 235 nuovi casi. Effetto variante Delta sull’Isola, quindi, nel pieno dell’estate 2021. Calano, però, i positivi per centomila abitanti, che passano da 159 a centoventicinque.
E i nuovi contagi non si abbattono, di rimbalzo, sugli ospedali Covid: il 4 per cento dei posti occupati in reparti standard e appena l’uno in terapia intensiva fanno comunque respirare l’Isola e, con il Governo che si appresta ad adottare le nuove regole per il cambio di colore di una regione (peso principale dato proprio ai letti occupati negli ospedali e non ai nuovi casi di contagio) la Sardegna dovrebbe restare bianca.

 


In questo articolo: