La Sardegna potrebbe riaprire il 18 maggio: il governo ora accelera la ripresa delle Regioni meno colpite

Quasi pronta una nuova circolare del ministro Speranza: dal 18 maggio potrebbero riaprire Regioni (come la Sardegna) che sono in una buona situazione sanitaria, dipenderà dagli indici di contagio e dai posti liberi nelle terapie intensive. Ristoranti, parrucchieri e centri estetici verso il sospiro di sollievo

La Sardegna potrebbe riaprire il 18 maggio: nuova circolare del governo per accelerare la ripresa delle Regioni meno colpite. Quasi pronta una nuova circolare del ministro Speranza: dal 18 maggio potrebbero riaprire Regioni (come la Sardegna) che sono in una buona situazione sanitaria, dipenderà dagli indici di contagio e dai posti liberi nelle terapie intensive.

Proprio in questi minuti c’è un incontro tra il governo e la cabina di regia, potrebbero arrivare importanti spiragli di allentamento delle misure. Anche se resta confermato il 18 maggio come data da cui partirà la eventuale riapertura di bar, ristoranti e centri estetici, compresi parrucchieri. Al vertice sta partecipando anche il ministro Boccia, che proprio ieri aveva di fatto fermato l’ordinanza quasi pronta di Solinas per la riapertura della Sardegna.

Da lunedì 4 maggio intanto scatta la fase due: i cittadini potranno svolgere attività motoria anche lontano da casa e visitare parenti e congiunti, fidanzati e amici compresi, rispettando il distanziamento sociale e evitando qualsiasi forma di assembramento. I sindaci stanno già riaprendo i parchi. Intanto porti e aeroporti della Sardegna rimarranno “chiusi” sino al 17 maggio. Resta la possibilità che Solinas provi ancora ad anticipare i tempi, magari allentando ulteriormente diverse misure nei prossimi giorni.


In questo articolo: