La Sardegna piange Babacar, il fratello del Senegal che girava le feste con la sua bancarella

Addio a Babacar: era un fratello del Senegal che viveva  in Sardegna da anni, dove era perfettamente integrato e amato da tutti.Così lo definisce l’Eco di Barbagia che lancia su Fb un appello per trovare i soldi per riportare la sua salma in patria, dai suoi familiari

Addio a Babacar: era un fratello del Senegal che viveva  in Sardegna da anni, dove era perfettamente integrato e amato da tutti.

Così lo definisce l’Eco di Barbagia che lancia su Fb un appello per trovare i soldi per riportare la sua salma in patria, dai suoi familiari: “Era un classico, trovare “Baba”, con la sua bancarella, dinanzi ai fratelli Spena, all’ex Inam o alle feste paesane di mezza #Sardegna, mentre vendeva oggetti e dispensava sorrisi a tutti.

Un uomo buono che venerdì ci ha lasciato prematuramente per un infarto.

Gli amici di mezza Provincia stanno organizzando una colletta di 5000 euro per riportare la sua salma in Patria, dai familiari.

Le offerte possono essere donate: dai Fratelli Spena, a #Orotelli al Bar De Rosa, a #Lodine al Circolo Nuovo Pablo, a #Sarule al bar di Manuel Cossu.

Anche a #Orgosolo l’offerta può essere versata alla stazione carburanti Esso, all’Internet caffè e alla pizzeria di Angelo Mura.

Facciamo sentire la nostra voce! ❤️
Basta il piccolo sostegno di tutti”, cliccate sull’Eco di Barbagia.


In questo articolo: