La Sardegna, le scuole, i Comuni virtuosi non aspettano lo Stato lontano e “lento pede”: facciamo da noi

L’opinione di Marcello Roberto Marchi: “Riaprono le scuole e anche in questo importante e fondamentale settore della nostra vita sociale, culturale ed economica, la Sardegna é  una terra virtuosa. Mentre il Governo spende milioni per comprare a destra e a manca banchi monoposto e a rotelle, qui da noi Dirigenti scolastici, amministratori e volontariato fanno di necessità virtù e applicano le regole della buona madre e del buon padre di famiglia, cioè quelle del risparmio”

La Sardegna, le scuole, i Comuni virtuosi non aspettano lo Stato lontano e “lento pede “: facciamo da noi. E fanno bene !!!

Ad Oristano tagliano a metà i vecchi banchi di scuola e ne fanno due. A Monastir il Comune li compra nuovi. Lo Stato a mio parere è lontano e lento. E non possiamo non rilevarlo e denunciarlo.

Riaprono le scuole e anche in questo importante e fondamentale settore della nostra vita sociale, culturale ed economica, la Sardegna é  una terra virtuosa. Mentre il Governo spende milioni per comprare a destra e a manca banchi monoposto e a rotelle, qui da noi Dirigenti scolastici, amministratori e volontariato fanno di necessità virtù e applicano le regole della buona madre e del buon padre di famiglia, cioè quelle del risparmio : da un buon banco biposto ne fanno due monoposto. Accade in provincia di Oristano e  come sardi, ne andiamo orgogliosi, facendo i complimenti a tutti i protagonisti. A Monastir, un sindaco donna, non aspetta : fa comprare dal Comune i banchi monoposto nuovi. Ed anche questa decisione è nel segno della efficienza e della buona amministrazione. Così è stato anche in altri Comuni e
in altre scuole della Sardegna. Buon Anno Scolastico a tutti.
Marcello Roberto Marchi.

In questo articolo: