La nuova moda dei vandali sui bus Ctm: “Collezionare i cartelli per gli invalidi”

Il racconto di Marcello Roberto Marchi: “Tutti divelti e portati via. La foto che qui pubblichiamo ne è la testimonianza. Che dire ? Sono stupidi atti di vandalismo. A meno
che non si sia qualche matto che faccia collezione di cartelli per invalidi. Ma i controlli?”

Evidentemente c’è un nuovo tipo, una nuova moda di ” collezionismo” : togliere e portarsi a casa i cartelli segnaposto dei Bus CTM  riservati agli invalidi.Il vandalismo e la stupidità non  ha limiti.

E i controlli? Ieri, mercoledì ultimo giorno di settembre, ho viaggiato sul Bus n. 387 del CTM, pieno all’inverosimile tra extracomunitari che forse andavano a qualche mensa e studenti provenienti
da San Benedetto. Ho fatto fatica ad arrivare nelle postazioni riservate agli invalidi, già occupate da baldi giovani ai quali ho chiesto la cortesia di farmi sedere. Devo dire che subito uno
con molta gentilezza  mi ha ceduto il posto occupato. Sapevo e so che quei due sedili sono riservati agli invalidi, in tutti i Bus del CTM e sono ben segnalati con appositi piccoli cartelli di
colore azzurro. Ma, sorpresa : non ce n’era nemmeno uno. Tutti divelti e portati via. La foto che qui pubblichiamo ne è la testimonianza. Che dire ? Sono stupidi atti di vandalismo. A meno
che non si sia qualche matto che faccia collezione di cartelli per invalidi. Ma i controlli ?
Marcello Roberto Marchi


In questo articolo: