La notte è lunga in Sardegna: neanche un bar aperto da Macomer a Cagliari sulla 131

ALTRO CHE AUTOGRILL, DESERTO SERVIZI DI NOTTE SULLA 131- “E se un automobilista accusa i presagi di un possibile colpo di sonno? E se qualcuno va incontro a una crisi ipoglicemica? E se un bambino si ritrova senza il latte? Ma come è possibile che persino in piena estate la Sardegna sia priva di un autogrill aperto nel suo tratto più trafficato?”, le lamentele di chi è costretto a viaggiare di notte

La notte è lunga in Sardegna, se la percorri in auto nell’asfalto della 131. E se non trovi neanche un solo bar aperto a due minuti dalla mezzanotte, da Macomer sino a Cagliari: vietato anche solo un caffè, nella settimana di Ferragosto, e questa volta l’emergenza Covid non c’entra. E’ un problema di mancanza di servizi, per sardi e turisti: ma come è possibile che sia chiuso l’autogrill al km 103, che sia chiuso lo storico bar di Abbasanta, dove nel pomeriggio di ieri era impossibile anche rifornirsi di benzina? Peraltro si tratta di bar che di giorno offrono un ottimo servizio.

Diverse le segnalazioni arrivate alla nostra redazione, per quello che è un disagio storico ma che, arrivati al 2020, comincia a fare più notizia. La statale 131 sembra un deserto, soltanto in un’area (il Tamoil al km 78) si trova una rivendita automatica di bibite e snack. E’ l’unica possibilità in 150 km di trovare una bottiglietta d’acqua, perchè altrimenti se viaggi di notte nell’unica statale che collega i centri principali della Sardegna sei solo e perduto.

“E se un automobilista accusa i presagi di un possibile colpo di sonno? E se qualcuno va incontro a una crisi ipoglicemica? E se un bambino si ritrova senza il latte? Ma come è possibile che persino in piena estate la Sardegna sia priva di un autogrill aperto nel suo tratto più trafficato?”, le lamentele di chi è costretto a viaggiare di notte, ad esempio molti camionisti. Ma ieri anche tanti sardi si sono spostati per turismo, e al ritorno hanno trovato la serrata. Non c’è bisogno di essere Rimini, qui sembra però di stare nel Sahara.

[email protected]

 


In questo articolo: