La nazionale italiana di pallanuoto a Cagliari, 3 giorni di gare a Terramaini: “Dalla Sardegna attendiamo tanto affetto”

Il “settebello” campione del mondo ritorna nel capoluogo sardo dopo 10 anni. Sfide in piscina con Croazia e Russia, il ct Campagna: “Calore dei sardi fondamentali in vista delle olimpiadi di Tokyo”. Ecco le date ufficiali

A dieci anni di distanza dall’ultima volta, torna a Cagliari la Nazionale Italiana di Pallanuoto, campione del mondo in carica e bronzo alle Olimpiadi di Rio. Appuntamento che si impreziosisce ulteriormente dopo una lunga astinenza da manifestazioni pubbliche per ragioni a tutti note. Il programma si diluirà dal 9 all’11 luglio con tre incontri di cartello che oltre al Settebello vedrà immergersi nella piscina comunale di Terramaini anche i fortissimi atleti di Croazia e Russia. Ci sarebbe dovuto essere anche il Giappone ma la situazione pandemica critica nel Paese del Sol Levante non ha permesso, a malincuore, il suo arrivo. Sarà l’occasione per vedere lo stato di forma degli azzurri reduci dalla World League a Tbilisi (Georgia) e in procinto di partire per le Olimpiadi. Cosa che avverrà direttamente dal capoluogo sardo subito dopo la conclusione del triangolare. In realtà la selezione guidata dall’incommensurabile Alessandro Campagna (vedere la intervista in basso) comincerà il ritiro sardo il 5 luglio. Qualche giorno in più tale da consentire ad appassionati e sportivi in genere di socializzare con tutto lo staff e assaporare il clima che si respira poco prima di intraprendere un’esperienza unica e irripetibile come quella di Tokio 2020. “L’anno scorso, nello stesso periodo – ricorda il presidente FIN Sardegna Danilo Russu – avremmo dovuto ospitare il quadrangolare “Waterpolo Sardinia Cup” con Italia, Spagna, Croazia e Serbia.

 

 

Il Coronavirus bloccò tutto ma non ci siamo persi d’animo, riproponendo una sfida a tre che non muta d’importanza vista la distanza ravvicinata dai Giochi Olimpici. Mi dispiace tanto che il Giappone abbia dovuto dare forfait ma davanti alle emergenze sanitarie non si scherza. Speriamo di ospitarli il prossimo anno. Ringrazio l’entourage azzurro che ha accolto il nostro invito e rivolgo un forte apprezzamento a tutti coloro che si stanno prodigando per la buona riuscita della manifestazione. La presenza del Settebello deve stimolare i nostri tesserati ad un pronto rientro in acqua per la prossima stagione, sperando che il fascino della calotta tricolore attiri nuovi estimatori. Cagliari e la Sardegna sportiva hanno l’opportunità di vivere una tre giorni davvero fuori dall’ordinario”. Le gare del triduo pallanuotistico internazionale saranno trasmesse in diretta sul canale Rai Sport HD. E il ct Sandro Campagna è netto: “Dalla Sardegna attendiamo tanto affetto, mi auguro che ci sia una grande attesa, vorrei vedere tanti amici e tante persone anche in giro per Cagliari e che si stringano attorno al Settebello. Conosco perfettamente il calore sardo, ci sarà utile per darci una spinta in più perché da lì partiremo per Tokyo”.