La magia della musica sarda suonata nelle strade dell’Occitania: “Un’emozione meravigliosa”

Lo raccontano in diretta Myriam Costeri e le altre musiciste che tornano con gioia dalla Francia: Tra i momenti più emozionanti: il pubblico che ha intonato i cori di trallallera con noi e continuava quando abbiamo finito lo spettacolo, e quando il gruppo musicale dei corsi, i grintosissimi Eppò ci ha fatto salire con loro sul palco per gemellaggio Sardegna-Corsica”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La magia della musica sarda suonata nelle strade dell’Occitania: “Un’emozione meravigliosa”. Lo raccontano in diretta Myriam Costeri e le altre musiciste che tornano con gioia dalla Francia. “in questo momento Io e le mie 3 amiche del gruppo Su Cunzertu Antigu stiamo rientrando da un viaggio di 10 giorni a Séte, in Occitania, in cui eravamo ospiti per rappresentare la Sardegna nella manifestazione marittina più importante del Mediterraneo: Éscale a Séte, Festa Delle Tradizioni Marittime, biennale che conta 500.000+ visitatori ogni edizione. In questi giorni abbiamo fatto 2-3 concerti al giorno di musica sarda, con gli strumenti tipici tradizionali: percussioni gavoesi tamburo e triangolo, launeddas suonate da Federica Lecca di Cagliari, organetti suonati da me (di Gavoi) e Fabiana Contini (di Bosa), inoltre abbiamo portato pezzi inediti con la chitarra e la voce di Federica Olla (chitarra) e abbiamo anche intonato trallallera davanti a un pubblico internazionale. i nostri palchi erano velieri d’epoca come il Don Du Vent e il Pandora di Venezia, velieri crociera come il famoso Santa Maria Manuela di Madeira e spazi più esclusivi per gli ospiti come la Partenaire. Tra i momenti più emozionanti: il pubblico che ha intonato i cori di trallallera con noi e continuava quando abbiamo finito lo spettacolo, e quando il gruppo musicale dei corsi, i grintosissimi Eppò ci ha fatto salire con loro sul palco per gemellaggio Sardegna-Corsica come isole sorelle”.


In questo articolo: