La grande serrata notturna dei bar sulla Ss 131: “Ad Abbasanta niente caffè alle 22:30 per 54 viaggiatori”

Bar sbarrati dopo mezzanotte da Cagliari a Macomer, e in pochi casi c’è la “salvezza” dei distributori automatici. E, in alcuni casi, le serrande si abbassano davanti agli occhi increduli dei viaggiatori già a metà sera

Un caffè, una bottiglietta d’acqua o un panino? Poterli acquistare, sulla 131, tra Cagliari e Macomer, di notte, è quasi paragonabile a un’impresa: tra bar e autogrill chiusi ai bordi della Statale, chi si trova a dover guidare per qualunque motivo tra mezzanotte e le sei rimane a bocca asciutta. O quasi: qualche lettore di Casteddu Online ha segnalato la presenza di un distributore attivo 24 ore su 24 al chilometro settantotto, a Marrubiu. Ma, dopo il periodo del lockdown, le serrande vengono abbassate alle 19:30 e, sino alle cinque del mattino, non c’è nemmeno un distributore automatico. Discorso diverso – chiusura alle 22 e distributore di snack presente – per il bar sul lato opposto, in direzione Cagliari. Un caso – meglio, molti casi – di attività commerciali che preferiscono restare chiuse quando fa buio, anche in piena estate 2020. E i lettori del nostro giornale, dopo l’articolo di ieri, hanno raccontato, in alcuni casi, i disservizi e le “beffe” che si sono trovati a dover vivere durante un viaggio in notturna sulla 131.

 

Emblematico il racconto di Maria Grazia P.: “Ad Abbasanta ieri (domenica) hanno abbassato le serrande sui nostri piedi intorno alle 22:30. Stavamo rientrando da Orosei con un bus con 54 viaggiatori. Avremmo fatto volentieri una sosta per un caffè o una bibita, per poter accedere poi ai servizi igienici”. Un’altra lettrice, Agnese C., è netta: “Vergognoso. Le navi sbarcano stracariche sino a tarda notte e chi sbarca si trova davanti al nulla. Non dico d’inverno, ma almeno per i tre mesi di stagione estiva servirebbe un minimo di servizio”.

 


In questo articolo: