La gioia dopo l’ansia, l’ingegnere di Cagliari in Nigeria potrà tornare a casa

Fermo da 6 mesi a Lagos, senza nessun volo a disposizione e con la moglie che sta per partorire a Cagliari. Massimiliano Angius, 52 anni, dopo l’sos lanciato anche su Casteddu Online, tira un sospiro di sollievo: “L’ambasciata ha trovato un posto per me il 14 luglio”

Un’ansia lunga sei mesi, quella vissuta da Massimiliano Angius, ingegnere cagliaritano di cinquantadue anni bloccato da gennaio a Lagos, in Nigeria. Nessun volo aereo disponibile da marzo, sua moglie che sta per partorire all’ospedale e tantissimi chilometri di distanza che li separano. Meglio, che li separavano. Dopo i vari appelli sui social dei suoi parenti e anche dopo l’articolo pubblicato su Casteddu Online, arriva la svolta: “La situazione è stata risolta grazie all’intervento dell’ambasciata italiana in Nigeria. Le incomprensioni erano intercorse con il consolato italiano a Lagos, cosa ben diversa dall’ambasciata. Il primo appello faceva erroneamente riferimento all’ambasciata”. Il volo? “Il quattordici luglio”. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.


In questo articolo: