La Festa della Liberazione in emergenza covid: niente corteo e cerimonie con le mascherine

Niente bandiere e sfilate per il 75° anniversario della Festa Nazionale della Liberazione a causa dei divieti contenuti nella normativa per il contenimento del contagio da coronavirus. A Cagliari e Monserrato solo pochi rappresentanti  rigorosamente a distanza per la corona d’alloro ai Martiri del nazifascismo

Poche persone, rigorosamente a distanza e con le mascherine. La Festa Nazionale della Liberazione, che quest’anno segna il 75° anniversario, non si è svolta con le consuete modalità a causa dei divieti contenuti nella normativa per il contenimento del contagio da coronavirus.
Il Comitato 25 aprile ha comunque deciso di celebrare la ricorrenza anche quest’anno pur in forma ridotta e nel rispetto della normativa emergenziale.
E così 3 membri del Coordinamento del Comitato 25 Aprile di Cagliari, stamattina hanno deposto una corona d’alloro in memoria dei Martiri del nazifascismo, come di consueto presso il Monumento ai Caduti in via Sonnino.  La cerimonia   nel   rispetto   del  distanziamento   sociale   e   delle   altre prescrizioni previste dalla normativa emessa a seguito dell’emergenza Coronavirus.
Cerimonia anche a Monserrato.


In questo articolo: