La favola di Simone Corso, ballerino di Quartucciu arrivato terzo a Italia’s Got Talent

A 4 anni scoprì di essere sordo, e si sentiva come chiuso in una bolla fino a quando un suo amico non gli ha fatto scoprire il mondo della danza. “Spero che il messaggio sia arrivato dritto nel cuore: niente è impossibile”.

“Niente è impossibile”. Simone Corso 26 anni, ballerino di Quartucciu è arrivato terzo nella gara del talent show televisivo Italia’s Got Talent. La favola di Simone è quella di un bambino di quattro anni che ha scoperto di essere sordo, e si sentiva come chiuso in una bolla fino a quando un suo amico non gli ha fatto scoprire il mondo della danza, invitandolo a provare una lezione insieme a lui.
Da quel momento, tutto è cambiato: Simone si è innamorato della danza e ha capito che il ballo sarebbe stato parte fondamentale della sua vita. “Per ballare deve affidarsi alle vibrazioni che attraversano il suo corpo, dimostrandoci che non ci sono limiti quando una persona ha talento”.
Ieri la finale: “Cari amici, voglio dire una cosa molto importante, per me essere arrivati 3 a Italia’s Got Talent Official significa davvero tantissimo”, ha scritto Corso, “ma facciamo un passo indietro, quando non avevo la minima idea di cosa significasse essere liberi di esprimersi, lo devo tutto a Street School ma dritto a Valentina Tocco per quello che sono adesso.
Spero che il messaggio sia arrivato dritto nel cuore come io ho messo il cuore per quello che ho fatto sul quel palco, perché niente è impossibile”.

“Simone Corso è un ragazzo pieno di energia che ieri sera ci ha regalato una gioia immensa salendo sul podio di Italia’s Got Talent”, ha commentato il sindaco di Quartucciu Pietro Pisu, “una dimostrazione di forza di volontà e voglia di superare le barriere più ostili che la vita spesso riserva.  Un esempio e un insegnamento per tutti noi da parte di un Artista dal talento indiscusso. Grazie a Simone, alla Street School e a Valentina Tocco per aver portato in alto il nome di Quartucciu”.


In questo articolo: