La Cagliari che vorrei: il silenzio dei politici su anfiteatro, Tuvixeddu e sul mercato favorisce i furbetti

L’analisi di Pierluigi Montalbano: Nulla viene detto su come intervenire sui gioielli archeologici che abbiamo: anfiteatro, Tuvixeddu, villa di Tigellio, grotte e sotterranei che potrebbero essere valorizzati per la fruizione di cagliaritani e turisti. Pare che la cultura sia importante solo quando c’è da mettersi in mostra nelle inaugurazioni o nelle conferenze. Per ultimo, ma non meno importante, lascio il mercato di San Benedetto”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La Cagliari che vorrei.
Riflessioni sui desideri di un cittadino comune. La nostra città è considerata una fra le più belle del Mediterraneo. Le caratteristiche climatiche e geografiche offrono tanti vantaggi ai residenti con tanto sole, una spiaggia spettacolare, parchi naturalistici, università, porticcioli turistici, zone pedonali per lo shopping e la vicinanza di porto, aeroporto e stazione ferroviaria. A tutto ciò si aggiunge una storia millenaria che ha lasciato tracce indelebili e monumenti straordinari. Tuttavia, vista da un residente apre il fianco a tante possibilità di miglioramento. In questi giorni si assiste alle promesse di chi si erge a “illuminato amministratore” e racconta di essere in grado di rendere Cagliari una città sempre più sociale e inclusiva, verde e giusta. Colui, individua zone in cui ci sono persone più vulnerabili (poveri, disabili, anziani, bambini), come se nei quartieri “bene” vivessero solo famiglie senza problemi. Io vivo a Genneruxi, sicuramente un bel quartiere ma non privo di problematiche che vanno dalle auto che sfrecciano al verde da curare e, come negli altri quartieri, i diffusi problemi creati da netturbini che si imboscano, raccolta rifiuti svolta malamente e scarsa sicurezza. Nel nostro quartiere oltre la metà dei marciapiedi è in pessime condizioni se non assente, e abbiamo una vasta discarica abusiva che si riesce ad arginare solo grazie all’interessamento personale di alcuni buoni cittadini che in qualche modo ostacolano i mascalzoni. Ritornando all’illuminato amministratore, egli promette la costruzione di reti sociali e culturali e un investimento nella costruzione di strumenti di democrazia partecipativa che coinvolga i quartieri, ma si tiene chiusa da anni la circoscrizione in un vergognoso stato di abbandono. Si promette il potenziamento dei servizi di mobilità pubblica ma tutti i residenti nel quartiere sono legati alla sola linea 6 del CTM che, per fortuna, offre frequenze accettabili tranne che la notte e nei giorni festivi. È facile promettere politiche pubbliche orientate alla transizione ecologica e al contrasto ai cambiamenti climatici e ad affrontare al meglio le transizioni in corso, ma nei fatti…in cosa consistono?
Altra questione importante è capire quali saranno le norme di attuazione del Piano Urbanistico. Si continuerà con tempi biblici negli uffici tecnici e mancanza di regole certe? Ci sarà realmente un dibattito pubblico con un confronto leale e trasparente con tutti gli enti? Un altro punto che mi sta a cuore è quello dei beni culturali. Nulla viene detto su come intervenire sui gioielli archeologici che abbiamo: anfiteatro, Tuvixeddu, villa di Tigellio, grotte e sotterranei che potrebbero essere valorizzati per la fruizione di cagliaritani e turisti. Pare che la cultura sia importante solo quando c’è da mettersi in mostra nelle inaugurazioni o nelle conferenze. Per ultimo, ma non meno importante, lascio il mercato di San Benedetto, un’istituzione per le attività commerciali della città, un luogo identitario destinato a essere cancellato della sua essenza per diventare un moderno e costosissimo edificio multiuso. È difficile decidere la persona alla quale dare le chiavi di una città come Cagliari, deve essere affidabile, competente, leale e dovrà avvalersi di collaboratori validi che sappiano interpretare le esigenze dei cittadini e riescano ad attuare provvedimenti efficaci, con controlli serrati su cantieri, appalti e concessioni, per evitare che i “furbetti” ledano i diritti di chi vuole una città pulita, sicura, vivibile da giovani e anziani, dalle mamme che vogliono passeggiare con i bimbi, dagli studenti, da chi vuole muoversi in bici e di chi preferisce spostarsi in auto, di chi vuole scuole e asili accoglienti e di chi vuole lavorare onestamente.


In questo articolo: