La “buona scuola” esiste quando è buona davvero

Al Liceo Pacinotti i tabelloni dell’Esame di Stato mostrano risultanze che fanno ben sperare nel futuro dei ragazzi che escono dall’istituzione

Ci scrive la Dirigente scolastica del Liceo Pacinotti, prof. Valentina Savona, per rilevare l’importanza dei buoni risultati all’Esame di Stato, conseguiti nel suo Istituto, in un momento in cui la Scuola è al centro di critiche e di una crisi strutturale

“Chi continua a pensare (e a dire) che gli studenti non son più quelli di una volta si sbaglia. Si sbaglia di grosso. Sono come erano gli studenti del passato: studiosi, indolenti, diligenti, cialtroni. Ci sono quelli medi, quelli poco studiosi, quelli inadeguati. Ci sono i bravi. E anche i bravissimi. 5 fra questi ultimi sono transitati per il Liceo Pacinotti di Cagliari. Dove nella quinta B formata da 15 studenti sono stati ben cinque i 100, di cui due con la lode. Ben un terzo della classe ha ottenuto il massimo dei voti!!
E anche gli altri maturandi dell’Istituto , forse messi un poco in ombra da questi loro compagni con una marcia in più, hanno fatto decisamente bene.

Una soddisfazione grande in primis per i ragazzi e le ragazze, ma anche per i loro docenti che hanno saputo supportarli nel loro lavoro e contribuito a valorizzarne il talento.
Ciò che colpisce parlando con questi giovani è la varietà dei loro interessi, il sapersi relazionare, lo spirito di “squadra”.

In conclusione una classe che, grazie all’affiatamento, alla collaborazione, alla solidarietà e all’ottimo rapporto di stima con tutti i docenti, ha pienamente meritato i bei risultati raggiunti.
Che dire oltre? Ad Altiora!”