Jessica, licenziata a Pasqua: “Convivo e il mio stipendio è l’unica entrata sicura”

Lo sfogo di una delle operatrici del call center Dynamicall di viale Meucci: “Addio a 1200 euro al mese, il mio compagno è libero professionista e dobbiamo pagare il mutuo per la casa. Stanno calpestando la dignità delle persone”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

di Paolo Rapeanu

Trentadue anni, Jessica Ortu è una delle lavoratrici con un piede e mezzo già fuori dal call center Dynamicall di viale Meucci a Cagliari. La doppia lettera – licenziamento più ordine di servizio – è già finita anche tra le mani della donna. Convivente, il suo compagno fa il libero professionista, “il mio stipendio è l’unico certo che entra in casa ogni mese” e un mutuo da pagare proprio per quell’abitazione dentro la quale, a poche ore dalla Pasqua 2018, è calato il gelo e la disperazione. “Ho formato dei giovani che giustamente lavorano, tanto di cappello, ma l’azienda vuole tenere loro per via degli sgravi fiscali, mentre per me non è prevista la riassunzione nella nuova azienda Zeroquattronove. Io ho competenze e professionalità, oltre a un contratto indeterminato di terzo livello, loro no”.

È delusa e sconsolata la 32enne: “Ho lavorato per dodici anni dal lunedì al sabato, prendendo 1200 euro al mese e facendo assistenza e vendita. Quelli come me costano troppo alle aziende, che scelgono di assumere chi non ha un contratto come il mio e neppure scatti di anzianità. Spero che la Regione e la stessa Enel Energia facciano qualcosa, un posto di lavoro in meno significa una famiglia senza più un reddito”.


In questo articolo: