Jerzu, 65enne ha un infarto: carabiniere-eroe gli salva la vita all’ultimo

Le grida disperate di una parente hanno allertato l’uomo, un brigadiere di 54 anni. Massaggio cardiaco fondamentale: “I medici del 118 hanno confermato che, senza il suo intervento, il signore non ce l’avrebbe fatta”

Colpito da un infarto e strappato alla morte da un carabiniere-eroe che, senza pensarci un attimo, si è precipitato nell’abitazione dalla quale stavano arrivando urla di disperazione e ha eseguito un massaggio cardiaco sul corpo del malcapitato. Il fatto è avvenuto ieri a Jerzu, in via Umberto I. Da una casa non distanze dalla stazione dei carabinieri sono iniziate ad arrivare grida di “aiuto”: una donna, disperata, ha aperto la finestra e si è messa a urlare a squarciagola, attirando l’attenzione di un brigadiere di 54 anni. Appena raggiunto l’appartamento, ha visto un 65enne sdraiato per terra, privo di sensi: era stato colpito da un infarto. Il carabinieri, pratico di massaggi cardiaci e con tanto di abilitazione specifica, ha eseguito un massaggio cardiaco. All’arrivo dei soccorsi, come spiega il comandante della stazione Alessandro D’Auria, “i medici del 118 hanno detto che, senza quel massaggio, l’uomo sarebbe probabilmente morto”.

 

Un gesto bellissimo, quello compiuto dal brigadiere di Jerzu. Una vita salvata all’ultimo, grazie all’alta preparazione del militare.


In questo articolo: