Irene Cristinzio, archiviato il caso della donna scomparsa. I figli: aiutateci a cercarla ancora

Il Gip del Tribunale di Nuoro archivia il procedimento contro ignoti sulla scomparsa di Irene Cristinzio, la donna scomparsa nel 2013 a Orosei. E i figli non ci stanno, e lanciano un duro sfogo su Fb. Per quella verità che non viene a galla: “Nonostante le innumerevoli richieste dei familiari e nonostante tutte le ipotesi percorribili, si é arrivati all’archiviazione- scrivono sulla pagina “Ritroviamo Irene”-
mamma, ti hanno archiviato.
Vuol dire che smettono di cercarti.
Eppure Tu, mamma, non ci sei.
Come si può archiviare una persona…una vita.
Perché tu mamma non sei un fascicolo, sei una persona, una donna. Sei una figlia, una sorella, una moglie, sei una mamma e una nonna. Sei stata una insegnante amata e stimata da tutti.
E ora ti archiviano.
Hanno archiviato una vita, la tua e anche la nostra.
Non è solo un pugno nello stomaco per noi familiari che aggiunge dolore ad un dolore già infinito e alle nostre vite spezzate e sospese.
È UNA SCONFITTA ,per la società civile intera, per la comunità, per la legge e per la giustizia che archivia senza avere trovato risposte.
Non si archiviano le persone scomparse, anche se scomparse sono delle persone….Non si smette mai di cercarle.”
Il Gip promette che se dovessero emergere nuovi elementi, si potrà procedere alla riapertura delle indagini.
Dobbiamo perciò pregare che qualcuno ci faccia arrivare qualche notizia, qualche informazione, anche in forma anonima.
Dobbiamo far riaprire le indagini e ci può essere utile ogni più piccolo elemento, anche quello che sembra insignificante.
Aiutateci.
Dobbiamo trovare mamma”.


In questo articolo: