“Io e Davide Astori, un uomo e un amore eccezionale: mi è caduta addosso una disgrazia enorme”

Il bellissimo messaggio virale di Francesca, la fidanzata di Davide Astori: “Mi è caduta addosso una tragedia, una disgrazia così grande da cambiare per sempre la mia prospettiva sulle cose. È stato un anno straziante, difficile e impegnativo…”

“Lo incontrai così, per caso, in un locale di Milano in cui non avremmo dovuto essere né io né lui. Cercavamo serenità e l’abbiamo trovata insieme. È arrivato nel momento giusto, Davide. Se lo avessi incontrato più giovane, quando sei irrequieta e insegui solo l’amore che provoca tormenti e sofferenza, non avrebbe funzionato.

Anche se ormai ho smesso di chiedermi perché sia successo proprio a noi e so che non ci sono risposte, mi consolo pensando che eravamo felici. Non avevamo litigato. Non vedevamo l’ora di rivederci. Dopo quella ca**o di partita ogni cosa avrebbe ripreso il suo corso.

Gli amici mi domandano: ma il 4 marzo hai dormito? e io penso che per me è 4 marzo ogni giorno.

Mi è caduta addosso una tragedia, una disgrazia così grande da cambiare per sempre la mia prospettiva sulle cose. È stato un anno straziante, difficile e impegnativo.

Prima ero solo Frà, una ragazza della mia età poi il destino mi ha rapinato. Con un furto mi ha rubato all’improvviso tutto quel che avevo e sono diventata Francesca.

Per me parlare di Davide al passato è impossibile. All’inizio, avevo paura di tutto. Per molti mesi non ho acceso la tv né ho dormito nella nostra stanza. Mi facevo accompagnare in bagno per lavarmi i denti, temevo di non essere più in grado di gestire mia figlia, ero terrorizzata dall’idea di volerle meno bene.

Davide, il ricordo di Davide, è diventato un po’ di tutti e io sono contenta che la sua memoria sia viva. Sento dire da tutti che era un uomo eccezionale ed è vero, lo era. Ma era anche riservato e non sono certa che tutto questo casino mediatico intorno alla sua figura in cui chiunque dice la sua, gli avrebbe fatto piacere”

– #FrancescaFioretti sulla morte di Davide Astori


In questo articolo: