Integrazione delle Comunità Rom, Sinti e Camminanti: tavolo di lavoro a Cagliari

Secondo le ultime stime, a Cagliari vivono 266 persone appartenenti alle Comunità Rom, Sinti e Camminanti. Sono quasi tutte di nazionalità bosniaca e vivono per lo più in abitazioni. Mercoledì 11 dicembre si terrà il tavolo di lavoro
per la redazione del nuovo Piano di Azione Locale


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Si costituisce anche a Cagliari il tavolo di lavoro per l’elaborazione del Piano di Azione Locale (PAL) finalizzato a favorire l’integrazione delle Comunità Rom, Sinti e Camminanti (RCS).

Domani, mercoledì 11 dicembre 2019 alle 15 a Palazzo di Città, nello Spazio Search, è infatti previsto il primo incontro nell’ambito dell’Azione “Interventi pilota per la creazione di tavoli e network di stakeholder coinvolti a diverso titolo con le comunità RSC, Rom Sinti e Camminanti, al fine di favorire la partecipazione dei Rom alla vita sociale, politica economica e civica”, promossa dall’UNAR, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento Pari Opportunità, in qualità di beneficiario delle azioni di sistema previste dal PON Inclusione 2014-2020. L’Azione è implementata dall’Associazione temporanea di imprese composta da NOVA Onlus, Consorzio Nazionale per l’Innovazione Sociale (capofila) e i partner Fondazione Casa della Carità Angelo Abriani, Associazione 21 Luglio e Fondazione Romanì Italia, con la supervisione del Dipartimento Pari Opportunità-UNAR.

Il progetto coinvolge otto Città metropolitane – oltre a Cagliari ci sono Bari, Catania, Genova, Messina, Milano, Napoli e Roma – chiamate a redigere altrettanti Piani di Azione Locali sperimentali che comprendano specifici modelli di gestione finalizzati alla partecipazione dei Rom, dei Sinti e dei Camminanti alla vita sociale, politica, economica e civica del territorio, lavorando al contempo sulla diffusione di una metodologia efficace di programmazione partecipata che sia quindi esportabile. Gli interventi riguarderanno il superamento del disagio abitativo; l’inclusione socio-sanitaria, scolastica e lavorativa; le relazioni con le istituzioni e con le altre componenti della comunità locale.

Il tavolo di Cagliari è stato istituito con la Delibera comunale n. 129 del 12 novembre scorso e vi partecipano enti locali, istituzioni, associazioni, scuole ed enti formativi. Dopo quello di domani, sono previsti altri quattro appuntamenti, che si terranno tra febbraio e ottobre 2020.

Secondo le ultime stime, a Cagliari vivono 266 persone appartenenti alle Comunità Rom, Sinti e Camminanti. Sono quasi tutte di nazionalità bosniaca e vivono per lo più in abitazioni (196). Una minoranza è giunta in città tra gli anni ’80 e ’90, ma la maggior parte è nata sul territorio. La loro visibilità, in una città di oltre 150mila abitanti, è piuttosto ridotta. 64 sono stranieri con permesso di soggiorno, 20 hanno la cittadinanza italiana, uno è irregolare, 111 sono minorenni. La parte restante della popolazione, composta da 70 persone, risulta senza dimora. Il modello di intervento attuato dal Comune di Cagliari nel corso degli ultimi anni è stato dunque volto al superamento del sistema-campo. Con l’elaborazione del Piano di Azione, oltre a sostenere questo processo, si individueranno modalità e azioni per favorire una piena inclusione sociale e una maggiore partecipazione delle comunità Rom presenti nel territorio cittadino.

 


In questo articolo: