“Infelice citofonare alla famiglia tunisina”, la Cei bacchetta Salvini

Il leader della Lega continua a difendere l’iniziativa: “I residenti del quartiere non hanno dubbi, hanno certezze”

Il segretario generale della Cei, Stefano Russo, ha definito “non particolarmente felice” il gesto del leader leghista, Matteo Salvini, che a Bologna aveva suonato al citofono dell’abitazione di un giovane tunisino chiedendogli se fosse uno spacciatore. Russo ha auspicato che ci si richiami “al Presidente Mattarella e a quanto ha detto nel messaggio di fine anno sulla cultura della responsabilità”, perché “non possiamo vivere in costante campagna elettorale”. 

Continua a leggere su https://www.agi.it/politica/cei_salvini_citofonare-6933207/news/2020-01-23/


In questo articolo: