Impennata del Coronavirus in Sardegna, 42 nuovi casi e 213 persone positive: aumentano i ricoveri

SARDEGNA, IL DATO PIU’ ALTO DEL DOPO LOCKDOWN E AUMENTANO I RICOVERI- Balzo in avanti dei contagi nell’Isola, ieri erano 23: pesano, probabilmente, i focolai nel nord dell’Isola. Poco meno di mille i tamponi fatti nelle ultime ventiquattro ore: tutti i numeri

Sono quarantadue i casi di Coronavirus registrati in Sardegna nelle ultime ventiquattro ore e riportati nel bollettino della Protezione Civile. Un balzo in avanti rispetto a ieri, quando erano stati “solo” 23. Si tratta del numero più alto da quando è stato sospeso il lockdown. A pesare nel totale, probabilmente, i focolai nel nord dell’Isola. Sono 213 le persone positive, duecento delle quali in isolamento domiciliare, appena tredici quelle ricoverate con sintomi. E il totale dei tamponi effettuati nell’Isola sale a quota 122296, 944 in più tra ieri e oggi.

Sono 1.609 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 42 nuovi casi: 27 nel nord Sardegna, 13 nella Città Metropolitana di Cagliari e 2 nella provincia del Sud Sardegna. Resta invariato il numero delle vittime, 134 in tutto.

In totale sono stati eseguiti 122.296 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 13, nessuno in terapia intensiva, mentre 200 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.258 pazienti guariti, più altri 4 guariti clinicamente.

Sul territorio, dei 1.609 casi positivi complessivamente accertati, 303 (+13 rispetto al dato precedente) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 168 (+2) nel Sud Sardegna, 61 a Oristano, 100 a Nuoro, 977 (+27) a Sassari.


In questo articolo: