Ilaria di Selargius: “Sono ‘sardina’ perchè non tollero Salvini ma non odio come fa lui”

Nel gruppo sardo delle “sardine in movimento” c’è anche Ilaria Pisano, commessa 48enne: “Spero che questo movimento faccia grandi cose, bisogna protestare ma senza offendere. Farò di tutto per poter partecipare al sit-in del trenta novembre”

Si è iscritta senza indugiare nemmeno un minuto al gruppo Facebook “Sardinesardeinmovimento”, Ilaria Pisano, commessa di 48 anni residente a Selargius. Anche nell’Isola, infatti, è arrivata la nuova forma di “protesta pacifica” contro il leader della Lega, e il prossimo trenta novembre in programma il primo sit-in a La Maddalena. In tante città di Italia migliaia di giovani e adulti hanno riempito le piazze, in alcuni casi proprio a poca distanza dai comizi di Matteo Salvini. Bisogna vedere se le “sardine” dureranno o se è una realtà destinata a calare. Oggi, però, il tam tam sui social è davvero altissimo: “Mi piace pensare che ci sia un modo giusto per condannare la violenza e l’uso improprio delle parole. Torniamo alle cose semplici, alle manifestazioni pacifiche. Mi rivolgo a tutte le altre ‘sardine’, non si deve cadere nella trappola dell’odio, quel sentimento lasciamolo a Salvini. Io non lo tollero”, racconta la Pisano, “ma, a differenza sua, non odio chi non la pensa come me”. La 48enne quasi benedice la nascita di quello che, presto, potrebbe diventare un movimento: “Prima o poi doveva arrivare il momento”.

 

“La trovo una forma di resistenza pacifica, bisogna darsi da fare per non arrivare a una guerra tra poveri, cadere sempre nell’odio non va bene per nessuno. è un’arma a doppio taglio”. Le “sardine” non hanno nessuna bandiera politica, il pesce stilizzato è il loro simbolo: “Bene”, aggiunge la donna, “spero di poter essere presente al sit-in del trenta novembre prossimo a La Maddalena”.


In questo articolo: