Il virus si riaffaccia nel Cagliaritano: decine di casi a Elmas, Dolianova e Monastir

Emergenza Covid, ritornano i bollettini dell’Ats nei Comuni. Una quarantina di casi accertati tra Monastir e Dolianova, con aumenti significativi nel giro di pochi giorni. A Elmas il sindaco costretto a rimodulare le inaugurazioni al chiuso: “Contagi in aumento anche qui”

Il Coronavirus rialza la testa anche nel Cagliaritano. Sono decine i nuovi casi, molti probabilmente legati alla variante Delta, che riportano i sindaci a diramare pubblicamente i bollettini con gli aggiornamenti dell’Azienda per la tutela della salute. A Elmas “contagi in aumento” e allora il sindaco Antonio Ena è costretto a rimodulare la cerimonia per l’intitolazione del teatro comunale a Maria Carta, prevista per il ventisei luglio prossimo: “Mi duole non poter autorizzare un evento pubblico aperto a tutti. Le disposizioni vigenti, nell’ottica di contenere l’epidemia da Covid-19 e riferite agli eventi al chiuso nonché la situazione epidemiologica in evoluzione anche nella nostra comunità, con un aumento dei contagi, richiedono la stretta osservanza di tutte le regole. Quindi, non possono esserci eccezioni anche per un evento così importante per tutti noi. Una decisione, sottolineo, che prendo a malincuore, ma nel rispetto delle attuali normative e della necessità di tutelare la salute pubblica, certo della vostra comprensione”.
Non va meglio a Monastir. La sindaca Luisa Murru ha diramato l’ultimo bollettino: “Si comunica che, in base ai dati forniti da Ats Sardegna, in data odierna risultano tra i nostri concittadini 19 positivi. Auguriamo loro una pronta guarigione e raccomandiamo a tutti i cittadini il rispetto delle prescrizioni anti Covid”. A Dolianova, invece, balzo in avanti netto dei contagi in appena ventiquattro ore, come conferma il sindaco Ivan Piras: “Venti casi di positività riscontati, più 9 rispetto all’aggiornamento di ieri”.


In questo articolo: