“Il video di un rapper nel centro migranti di Monastir…ma come è possibile?”

La riflessione di Marcello Roberto Marchi: “Gli estranei, per
accedervi, dovrebbero essere autorizzati ed i motivi dovrebbero
essere compatibili con lo stato dei residenti”

I colleghi di ” Castedduonline” hanno dato rilievo ad un fatto
inusuale : un rapper che va a registrare un proprio video in un Centro
di accoglienza migranti. Si tratta del Centro migranti di Monastir, a
due passi da Cagliari, e del rapper francese Daniel Rouge. Il fatto è
inusuale per il luogo e per i comprimari. I comprimari sono i
migranti extracomunitari, per lo più algerini e tunisini, in
quarantena e sotto accertamenti per il loro rimpatrio. Il luogo è la
sede del Centro Migranti, il cui accesso dovrebbe essere rigorosamente
controllato, come le regole della convivenza. Gli estranei, per
accedervi, dovrebbero essere autorizzati ed i motivi dovrebbero
essere compatibili con lo stato dei residenti, per varie ragioni, che
non sta a noi indagare.
All’opinione pubblica, però, certamente interessa sapere se il rapper
francese è stato autorizzato , da chi e per fare cosa. Sono domande
legittime che attendono una risposta chiara ed esaustiva.
Marcello Roberto Marchi


In questo articolo: