Il tatuaggio di Sfera Ebbasta dopo le morti in discoteca, il mondo social si divide

Sfera Ebbasta nel centro della polemica social, centinaia di commenti dei lettori sotto l’articolo sul tatuaggio con le stelline dedicato alle sei vittime della tragedia di Corinaldo. C’è chi difende l’artista chi lo accusa addirittura della tragedia perché inciterebbe a comportamenti scorretti nei testi delle sue canzoni

Centinaia i commenti dei lettori sotto l’articolo di Sfera Ebbasta che, dopo la tragedia di Corinaldo, si sarebbe tatuato 6 stelline, proprio il numero delle vittime del dramma avvenuto venerdì notte nella discoteca La Lanterna, dove sono morte sei persone: una mamma e cinque minorenni. Il mondo social diviso in due nei confronti del trapper, spaccato da sentimenti contrastanti. C’è chi addirittura dà a lui la colpa per quanto accaduto perché inciterebbe a comportamenti scorretti nei testi delle sue canzoni, e chi invece lo difende.

“Pessimo esempio per i giovani , un ixxxxa che scrive porcate, da donna e mamma mi vergogno e mi preoccupa il fatto che tanti adolescenti lo seguano” scrive Antonella. E c’è chi rincara la dose come Bruno C. “Basta leggere i testi delle sue “cose” perché chiamarle canzoni è un offesa per la musica, per capire che è un disagiato, molti adolescenti lo emulano, altri per fortuna no, lui non c’entra con la disgrazia, ma è tutto il sistema che permette”.

“Qualcuno gli deve pur spiegare che i valori nella vita sono altri – scrive Marinallea- Rispetto ,educazione,etica civica e morale, infine che questa disgrazia lo illumini sui valori della vita”.

Ma anche chi prende le sue difese come Federica P. “Lui non c’entra proprio un bel niente!! Come è successo al suo concerto poteva succedere a qualsiasi altro concerto”. 

“Ma quando han fatto l’attentato al Bataclan era forse colpa del gruppo che suonava? Qua la colpa è solo di chi non ha investito prima in sicurezza e non ha saputo gestire l’emergenza e di quel deficiente che ha spruzzato lo spray” aggiunge Anna.

“Tutti che vanno contro a sto tipo, se lui fa canzoni con parolacce (Non è nemmeno l’unico) più che colpa sua e di chi lo ascolta e va ai suoi concerti. Ricordiamo che nessuno è costretto ad ascoltare la sua musica, tanto meno non è colpa sua la morte di queste persone… Ovviamente l’ignoranza tace”.

Anna Rita ne ha per tutti “>Pessimi genitori. Pessimi organizzatori. Non si fanno andare i bambini in discoteca. Quello che è successo è un caso. Ma non si può demonizzare il cantante, per quanto non condivida le sue canzoni. Se fosse successo alla prima della boheme di chi sarebbe stata la colpa? Per quanto riguarda la tipologia del cantante se i genitori, i quali probabilmente non sanno neanche cosa canta, si sono assunti la responsabilità di scaricare ragazzini di 12/13/14 dentro le discoteche… Con chi ce la vogliamo prendere? Ma veramente con il tatuaggio di sfera ecc.?”