Il settore agricolo di Muravera e del Sarrabus alle prese con la sfida del cambiamento climatico

Un incontro svoltosi questa mattina ha affrontato temi cruciali per il futuro dell’agricoltura nel territorio


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il cambiamento climatico, l’imprenditoria giovanile, la gestione sostenibile delle risorse idriche e l’importanza della biodiversità nei campi sono stati al centro della conferenza svoltasi questa mattina a Muravera, uno degli eventi di contorno alla 50 esima edizione della Sagra degli Agrimi. “Agricoltura Conservativa e Filiere. Azioni concrete oggi per una sostenibilità futura”, questo il titolo dell’incontro organizzato dal Comune di Muravera con la partecipazione dell’istituto scolastico comprensivo “Dante Alighieri” e l’Istituto Superiore “Giuseppe Dessì”. All’incontro hanno preso parte Serafino Casula, direttore di Confagricoltura Cagliari, Efisio Perra, presidente Consorzio di Bonifica Sardegna Meridionale, Giorgio Demurtas, presidente della Coldiretti Cagliari e Paolo Zicca. docente di Tecniche Agrarie. L’incontro è stato un’utile occasione per ribadire che il nostro futuro sostenibile è strettamente legato alle radici della tradizione agricola. Michele Secci, consigliere comunale con delega all’Agricoltura, ha evidenziato il ruolo dei giovani per il rilancio del settore agricolo a Muravera e nell’intera Sardegna: “Anche nel Sarrabus – ha spiegato Secci – sono tanti i giovani che si dedicano ai mestieri tradizionali, facendo crescere aziende familiari già esistenti creandone di nuove, con una competenza e una voglia di fare che porteranno benefici a tutto il comparto”.


In questo articolo: