Il “mostro di Foligno” trasferito a Capoterra, l’Asl sarda paga 400 euro al giorno

Luigi Chiatti sta scontando la misura di sicurezza nella Rems di Capoterra. Dopo il trasferimento dall’Umbria le spese per mantenere l’uomo – che ha ucciso due bambini – nella residenza protetta, sono passate in carico all’Asl sarda

Le spese legate a Luigi Chiatti, il “mostro” di Foligno – dalla località dove ha ucciso due bambini di 13 e 4 anni – sono a carico “dell’Asl sarda”. La notizia sul quotidiano nazionale La Nazione, in un articolo a firma di Erika Pontini. Dopo il trasferimento nella struttura protetta Rems di Capoterra, infatti, il costo non ricade più sulla sanità umbra ma su quella isolana. “La retta delle Rems viene infatti corrisposta dall’Asl di residenza del soggetto ‘internato'”, si legge su La Nazione.

I conti? “400 euro al giorno”. Sarebbe stato Chiatti “a cambiare la residenza a metà 2018”. Con il conseguente cambio di Asl di riferimento proprio per il pagamento delle spese.



In questo articolo: