Il giro dell’isola in kayak: la sfida di uno sportivo cagliaritano

L’avventura di Daniele Strano, 41enne di Cagliari, per promuovere la Sardegna e raccogliere fondi per Save The Children

Partirà dal Lido di Cagliari il 15 luglio per poi tornarci dopo avere circumnavigato l’isola con il suo kayak  in quaranta giorni. Una sfida personale, quella del cagliaritano Daniele Strano, 41 anni, che a Cagliari gestisce una società di nuoto a Terramaini, e sin da piccolo con una passione innata per lo sport. Ma anche un modo per dare visibilità alla Sardegna e raccogliere fondi a favore di Save The Children. “Si tratta di un progetto che nasce dalla mia voglia di avventura e di stare a contatto con la natura – spiega lo sportivo – A cui unisco la missione della raccolta benefica con cui spero di dare una speranza a tante famiglie e bambini sfortunati”.

Un’impresa che Daniele ha in parte già vissuto l’anno scorso. “Ho percorso la costa in kayak da Cagliari al Golfo Aranci in sette giorni – racconta – Stavolta, pagaiando per tutta la costa sarda, isole minori comprese, toccherò tutte le spiagge in cui operano esercenti sensibilizzati preventivamente alla causa. Partirò il 15 luglio dal Poetto e, tempo permettendo, conto di tornarci esattamente quaranta giorni dopo percorrendo 15 miglia al giorno”. Una traversata in solitaria che verrà ripresa da una telecamera posizionata sul kayak, e documentata da un’app creata ad hoc, “Shark paddle”, in cui verranno condivisi video e foto dell’avventura.


In questo articolo: