“Il Cagliari è stato rapinato a Napoli, l’utilizzo del Var contro di noi è vergognoso”

Il gol al 97esimo dopo l’analisi del Var e il rigore molto dubbio che condanna il Cagliari fa esplodere la rabbia dei tifosi rossoblù: “Meglio perdere tre a uno sul campo che in questo modo. L’arbitro ci ha maltrattato, è una vergogna”. GUARDATE le VIDEO INTERVISTE al mercato di San Benedetto

La rabbia c’è ed è tanta. La sconfitta al novantasettesimo minuto rimediata al San Paolo dal Cagliari – con il rigore per il Napoli che fissa il risultato finale sul 2 a 1, dopo due lunghissimi minuti di attesa da parte dell’arbitro Chiffi che è dovuto ricorrere al Var – non va giù ai tantissimi tifosi rossoblù. Anche perché le immagini mostrano che il penalty per gli azzurri è più che dubbio, visto che sembra che il tocco di mano avvenga fuori area. “Avrei preferito perdere tre a uno e non all’ultimo minuto così, questa è la dimostrazione che il Cagliari continua ad essere trattata come una squadra piccola”, dice Antonio Festino, sfegatato tifoso cagliaritano e aiutante in un box di carne di San Benedetto. Il suo titolare, Chicco Lecca, è netto: “Ho visto l’azione incriminata alla televisione, il rigore non c’era. L’arbitro doveva fare l’arbitro, non il protagonista del match”.

Stefano Piras è sicurissimo: “Si dice che solo la Juventus rubi, ma vedo che anche gli altri si stanno attrezzando. Questo Var usato un giorno sì e un giorno no non va per niente bene”. 


In questo articolo: