Il bagno dentro la pappa, prime prove di svezzamento alla Tana di Bau a Quartu

Dario e Dora, due dei tanti cuccioli abbandonati, appena saranno pronti verranno dati in adozione.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

È bastata una simpatica immagine di uno dei cagnolini che, dopo aver consumato il pasto, dalla testa alle zampe era ricoperto di cibo, nemmeno avesse lottato con la ciotola: ha rapito il cuore di tutti coloro che amano gli animali, in primis di chi si prodiga per quelli meno fortunati e che, in attesa di essere adottati, trascorrono le giornate tra coccole e giochi in canile. A presentare l’allegra combriccola è Elena Pisu: “Piccoli monelli crescono”. Fanno parte di una cucciolata abbandonata, una delle tante, strappati dall’affetto della mamma circa due settimane dopo la nascita, sono vivi solo grazie all’impegno dei volontari che hanno provveduto a somministrare il latte con il biberon. Era il primo gennaio, “l’anno è iniziato così. Sono 4, tre femminucce e un maschietto, hanno ancora gli occhi chiusi, futura taglia media abbondante”. La crudeltà dell’uomo non ha limiti, loro sono stati fortunati altrimenti sarebbero morti di freddo e fame dopo una lunga e straziante agonia. Le campagne di sterilizzazione sono quelle su cui si insiste maggiormente per evitare gravidanze indesiderate e la sofferenza dei cuccioli non graditi.


In questo articolo: