Il 90,4% dei tifosi italiani tifa per Zeman: il boemo conquista

Il duro lavoro e il bel gioco portano il boemo al centro dell’attenzione mediatica

Zdenek Zeman è un uomo che non lascia mai indifferenti, lo si può amare o “odiare” e, nelle ultime settimane, sembra proprio che il sentimento sempre più prevalente sia il primo. Se in passato, anche all’inizio della sua esperienza cagliaritana, erano diverse le critiche da parte di parte dei tifosi e degli addetti ai lavori, ora i pareri stanno cambiando e si sta iniziando a rendere merito al lavoro che il ceco e il suo staff stanno facendo con la squadra rossoblù.

Se qualche settimana fa è stato Arrigo Sacchi a incoronare Zeman come “maestro” di calcio, dopo la gara di domenica contro il Napoli sono arrivati i complimenti da parte di Bruno Conti, che lo conosce profondamente (“Al Cagliari ha tempo, sta facendo bene”) e, nei giorni scorsi, uno dei suoi allievi più famosi, Ciro Immobile, ha affermato “Sono felice per quello che Zeman sta facendo al Cagliari, è una bella realtà. Io lo seguo sempre, considerato che noi giochiamo di sabato”.

Infine, ieri, sono arrivati i complimenti da parte di Antonio Conte con cui, non è un mistero, non c’è mai stato un rapporto amichevole, in particolare quando il CT della Nazionale era alle dipendenze della società bianconera, prima da giocatore e poi da allenatore. Il tecnico azzurro, dopo la visita ad Asseminello, ha infatti detto “Ho avuto un’ottima impressione e ho visto un bel clima, qui si lavora bene e questo è molto importante. Zeman del resto è una garanzia perché fa della cultura del lavoro un’arma importante”.

Queste parole sembrano confermare quelle dette dopo l’ultima gara dell’Italia, la scorsa settimana, quando Conte aveva affermato che il problema dei nazionali italiani è la scarsa preparazione fisica e, aveva aggiunto, “Ci deve essere la gioia di fare fatica, è una cosa che sta un po’ scomparendo in Italia”. Non a caso, tutti gli addetti ai lavori, avevano individuato nella squadra di Zeman l’unica eccezione.

Prosegui la lettura


In questo articolo: