I Subsonica a Cagliari per Capodanno 2019 dopo il tentativo (fallito) di portare i Negrita

Il brindisi di buon 2019, nelle intenzioni degli organizzatori, sarebbe dovuto essere in compagnia di Pau e soci. Poi non se ne è fatto più nulla, e allora si è deciso di puntare tutto sulla rock band torinese, per una festa “diffusa” costata, in totale, 245mila euro

I Subsonica a Cagliari per il Capodanno 2019? “Un’ottima scelta, sono tra le band più famose e amate davvero da tutti”. Parole dell’amministrazione comunale, dopo l’annuncio del gruppo musicale, fatto insieme agli organizzatori, la Vox Day di Davide Catinari. C’è però un retroscena legato al nome “forte” che deve infiammare cagliaritani e non, il 31 dicembre prossimo, in piazza Yenne. Infatti, la primissima scelta non ha portato, geograficamente parlando, a Torino, ma a Arezzo. È lì, infatti, che è nata la band dei Negrita: il pensiero di portare Pau e soci nel capoluogo sardo si è tradotto in un tentativo, che però è andato a vuoto perché – come racconta “radio Comune” – ci sarebbero stati dei problemi di tipo organizzativo. E allora, alla fine della giostra, è arrivato il via libera proprio per i Subsonica. “Sì, confermo la volontà e il tentativo fatto di voler portare i Negrita, ma comunque i Subsonica sono una scelta di primissimo piano”, spiega Davide Catinari, presidente della Vox Day.

Il quintetto piemontese salirà sul palco di piazza Yenne alle 22:30 e, dopo il brindisi della mezzanotte, lascerà spazio al dj set di Pille. Emergono anche altri dettagli: saranno circa 80 gli addetti alla sicurezza presenti nell’area in cui si esibiranno i Subsonica. Sul totale dei 245mila euro, come osserva Catinari, “un terzo è legato al solo costo della security”.