I nuraghi della Sardegna sul The Wall Street Journal

Fabrizio Pinna e Alessandra Cossu gli autori degli scatti che hanno incantato Jeff Biggers.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Girano per tutta la Sardegna insieme al loro cane Farah e immortalano, con scatti unici capaci di racchiudere tutta la bellezza dei siti più suggestivi, ogni luogo dove vanno. Hanno collezionato le immagini in un libro che non è passato inosservato a Biggers, storico, giornalista, drammaturgo e monologo vincitore dell’American Book Award e autore ed editore di dieci libri. La sua opera più recente è In Sardinia: An Unexpected Journey in Italy, una storia culturale e un diario di viaggio dell’isola.
“Un grandissimo Serramannese come Fabrizio Bibi Pinna non poteva che finire anche sul The Wall Street Journal. Complimenti – dichiara il sindaco Gabriele Littera – e un augurio per tante altre grandi soddisfazioni raccontando “La Sardegna oltre al mare”.
“Goccia dopo goccia, dopo goccia, dopo goccia arrivano queste “Piccole” soddisfazioni” scrive Pinna sul suo profilo facebook. “Nel “The Wall Street Journal” è apparso un meraviglioso scatto di Alessandra Cossu dove mi intravedo io ed il bellissimo Nuraghe Burghidu di Ozieri. Stiamo parlando del quotidiano più diffuso negli Stati Uniti d’America e tra i più importanti al mondo. Ma soprattutto stiamo parlando di Sardegna e dei suoi tesori che piano piano riemergono da un oblio millenario”. 


In questo articolo: