I colori spettacolari della Marmilla, tra storia e archeologia: paradiso delle escursioni

Un richiamo per i turisti e la vera scommessa da vincere contro lo spopolamento delle zone interne della Sardegna.

di Gigi Garau

Anche la Marmilla di questi giorni regala colori e natura in una giornata di Santo Stefano caratterizzata dal sole e dall’assenza di vento. Una giornata che ha favorito le escursioni fuori porta, ciclisti, podisti e turisti hanno voluto smaltire gli ingorghi alimentari delle feste natalizie con una pedalata o una passeggiata nelle campagne della Marmilla, tra gli ulivi secolari di Ussaramanna, la tomba dei giganti di Siddi e la Giara di Gesturi come cornice suggestiva che ripropone la Sardegna dei colori, della cultura e della buona cucina in tutte le stagioni dell’anno, un richiamo per i turisti e la vera scommessa da vincere contro lo spopolamento delle zone interne della Sardegna.


In questo articolo: