I benzinai di Cagliari lavorano e incassano: “Scioperare? Non siamo gli scemi del villaggio”

In città pochi i benzinai che hanno scelto di scioperare, da San Benedetto a Is Mirrionis tante le stazioni di rifornimento aperte: “Restare chiusi non serve a nulla, una giornata senza guadagno è una giornata persa, figurarsi tre”

Si possono contare su – quasi – le dita di due mani i distributori di benzina chiusi a Cagliari nel primo dei tre giorni di sciopero proclamato dal Gruppo spontaneo dei gestori Uno in via della Pineta, tre tra il Poetto e piazza Repubblica, uno a Is Mirrionis e un altro in via Castiglione: questo l’elenco, aggiornato, delle stazioni di rifornimento sbarrate. Tutte le altre, invece, sono aperte, e i tanti cagliaritani che temevano di dover restare con il serbatoio dell’auto svuoto sino a giovedì hanno tirato un sospiro di sollievo. Nel capoluogo sardo, insomma, la mobilitazione dei gestori delle pompe di benzina è, a voler essere buoni, un mezzo flop. Da San Benedetto alla zona di Monte Claro, da Sant’Avendrace all’area della rotonda di via Cadello, molti i distributori aperti. E il perchè della mancata partecipazione alla “serrata” è ben spiegato dai gestori stessi.

Andrea Siddi ha 48 anni e da dieci gestisce il distributore di via Cadello: “Non sciopero perchè tutti gli impianti sono aperti, ho già fatto un giro per la città. Chiudo io e tutti gli altri restano aperti? Che senso ha? Non sono lo scemo della zona”, domanda Siddi, “certo, voglio anche io i dieci centesimi al litro. Al mese non riesco a guadagnare mille euro e molti clienti si lamentano con me del prezzo della benzina”. In piazza Giovanni XXIII, da tre mesi, Matteo Piredda, ventotto anni, è alla guida della pompa di benzina: “Se scioperassi andrei contro alla compagnia, e non si arriverebbe a nulla. Nessuno mi ha contattato per scioperare, tutti i miei colleghi sono aperti. Io guadagno cinque centesimi al litro, ma non mi dispiacerebbe guadagnarne dieci, ogni mese guadagno poco più di mille euro ma ci sono le spese. Diciamo che mi basta per vivere da solo”.

 


In questo articolo: