Ha perso un braccio cadendo dalla moto ma è tornato a vivere: il toccante racconto di Gianni Muroni di Villaurbana

A Casteddu online un messaggio di speranza da parte di chi, nonostante tutto, ce l’ha fatta a tornare alla sua grande passione


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

In un incidente stradale ha perso un braccio ma Gianni Muroni non si è arreso ed è tornato in sella alla sua moto: un messaggio di speranza e incoraggiamento verso tutti coloro che, per un motivo o per un altro, lottano contro le difficoltà che la vita riserva lungo il percorso.
Lui si chiama Gianni Muroni, classe 1965, originario di Villaurbana ma residente a Sasso Morelli, nell’imolese: nel 2010, una macchina gli tagliò la strada mentre era a bordo della sua moto e, in quel tragico istante, perse un braccio. Amante da sempre delle due ruote, il destino è apparso ancor più beffardo e crudele. Da allora tutto è cambiato “ma non mi sono mai arreso” racconta Muroni a Casteddu Online. “Grazie al supporto di mia moglie e del mio amico Valter Bartolini sono andato avanti e ho ripreso in mano la mia vita”. Un’indipendenza cercata, voluta il più possibile e, da questo stimolo, la passione per la moto non doveva essere messa necessariamente da parte, anzi: “Valter mi ha incitato e rimesso in pista”. Grazie a una due ruote ideata appositamente per lui, è tornato a essere il protagonista, il ruolo da spettatore gli stava decisamente stretto: “Certo, io amavo girare in moto per visitare i luoghi, ora mi adatto al circuito sterrato ma è bellissimo lo stesso”. Una forza e una grinta che merita la giusta attenzione, la tenacia di chi non si arrende ma vuole guardare avanti sempre, con il sorriso, e la semplicità della felicità, nonostante tutto. Un invito, quindi, un messaggio affinché la sorte, a volte beffarda, non trascini via sogni ed emozioni ma la si affronti affinché sia sempre il sole, nonostante tutto, a scansare le nuvole che, di routine, sono solo passeggere. E amare, tanto, le persone con un gran cuore come quello di Valter, amico raro, da invidiare poiché è un dono di inestimabile valore averne uno di tale portata. In questi giorni Gianni Muroni è in Sardegna, come spesso accade, perché “amo il mio paese, sto benissimo, e non perdo mai occasione per incontrare i miei amici sardi”.


In questo articolo: