Green pass, Frongia: noi chiediamo ai nostri associati di rispettare le regole, ma tutti devono farlo. Ora basta con le discoteche abusive

Il presidente di Fipe Confcommercio sud Sardegna: abbiamo scritto ai prefetti di tutta la Sardegna per sollecitare controlli su i locali trasformati in piste da ballo

“Almeno il 5-10% dei ristoratori, da quello che ci risulta, non chiederà il green pass ai clienti dei loro ristoranti. Alcuni perché proprio non gli importa, altri perché non hanno la possibilità di controllare e altri ancora per scelta precisa”. Ma la posizione di Emanuele Frongia, presidente Fipe Confcommercio sud Sardegna, è chiara e netta: “Da parte nostra, continuiamo a sollecitare i nostri associati a rispettare al massimo le regole e applicare scrupolosamente i protocolli”, assicura.  Regole che andrebbero rispetatte da tutti, invece non è affatto così. “Abbiamo mandato lettere a tutte le prefetture della Sardegna per segnalare la continua organizzazione di serate danzanti, ovunque e senza alcuna precauzione. Le discoteche sono chiuse ma vengono organizzati regolarmente eventi in posti non autorizzati. Servono controlli, e per questo abbiamo sollecitato l’intervento immediato delle prefetture di tutta l’isola”.

Per quanto riguarda l’andamento della stagione, Frongia è ottimista ma teme la grande confusione sulle regole che si è creata in queste ultime settimane. “L’estate sta andando bene, anzi meglio delle aspettative che erano già buone, e in tanti hanno la percezione che si sia tornati ai livelli del 2019. Siamo fiduciosi di poter concludere la stagione, e speriamo anche in settembre quando avremo l’80% di vaccinati, ma in questo momento c’è molta, troppa confusione e una sovra informazione che non fa bene alla nostra causa. Serve chiarezza, serve spiegare bene come stanno le cose e quali sono le regole, anche da parte dei media. Questo è l’unico modo per non rischiare di perdere turisti e dunque clienti: per noi, lavorare dieci giorni in più o in meno, fa un’enorme differenza”, conclude Frongia.

 

 


In questo articolo: