Grande flop del carrello tricolore a Cagliari: sconti beffa su prodotti già in promozione e zero vantaggi

Il trimestre anti inflazione voluto dal governo si dimostra solo un’operazione mediatica. I vantaggi reali sono pari a zero, o quasi: secondo uno studio delle associazioni dei consumatori, il risparmio è pari al massimo a una fetta di prosciutto.

Il carrello tricolore? Una beffa. Mediaticamente studiato alla perfezione, ha dimostrato nelle prime settimane di entrata in vigore di essere inutile, con zero vantaggi sulla vita reale delle persone. A Cagliari, le lamentele sono generali: i supermercati si sono limitati ad attaccare l’adesivo-slogan sotto prodotti che già rientravano nelle offerte fisse dei supermercati e poco più. Il risultato? Il risparmi calcolato su ogni spesa per ciascuna famiglia è pari a quello generato da una, una sola fetta di prosciutto. Secondo i consumatori, in nessun supermercato del capoluogo si sono visti vantaggi concreti e reali per le famiglie.

L’iniziativa del governo per consentire ai consumatori di acquistare beni di prima necessità a prezzi calmierati e far fronte all’impatto dell’inflazione sul carrello degli italiani si è dunque rivelata un grande flop. Nonostante sia attivo solo dal primo ottobre, i prezzi nei supermercati appaiono sostanzialmente invariati e gli effetti auspicati dall’iniziativa sembrano solo teorici. Secondo i dati raccolti da Altroconsumo, il costo della spesa media per gli italiani è aumentato del 12,6% nell’ultimo anno con picchi di prodotti come l’olio extravergine incrementati di oltre il 40%. Su questi prodotti, zero sconti.


In questo articolo: