Gira in stazione con 2,7 chili di droga nel bagaglio, 33enne stranierio arrestato con l’aiuto della Brigata Sassari

I carabinieri l’hanno fermato per un controllo e hanno chiesto l’aiuto dei militari dell’Esercito guidati dalla Brigata Sassari. L’uomo, originario della Nigeria, beccato con tantissima marijuana “nascosta” dentro vari involucri in cellophane

Un cittadino nigeriano di 33 anni, senza fissa dimora, è stato arrestato ieri notte dai carabinieri della stazione Roma Parioli con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze  stupefacenti. Nel corso di un servizio mirato scattato in largo Guido Mazzoni finalizzato al controllo dei passeggeri in transito presso l’autostazione “Tibus”, i carabinieri della stazione Roma Parioli hanno notato l’uomo aggirarsi con fare sospetto con un grosso bagaglio al seguito.

Dopo aver richiesto ausilio alla pattuglia mista impegnata nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, composta da un carabiniere dello stesso comando e dai militari dell’Esercito Italiano in forza all’11° reggimento bersaglieri del Raggruppamento Lazio Abruzzo a guida Brigata “Sassari”, i carabinieri hanno deciso di fermarlo per un controllo. Il 33enne, in possesso di un titolo di viaggio per Caltanissetta, è stato perquisito e trovato con 2,7 chili di marijuana nascosti nel bagaglio, suddivisi in più involucri in cellophane. La droga è stata sequestrata mentre l’arrestato è stato portato e trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.


In questo articolo: