Giovane malata sarda in chemioterapia beffata da Ryanair: l’aereo la lascia a terra per due minuti

Un’altra vicenda simbolo delle difficoltà dei trasporti aerei in Sardegna: una ragazza oristanese di 16 anni con un tumore, che doveva tornare da Bologna nell’Isola, si è sentita rispondere che l’imbarco alle 6,50 del mattino era chiuso da due minuti. “Il prossimo volo utile per la Sardegna? Fra due giorni”

Giovane malata sarda in chemioterapia beffata da Ryanair: l’aereo la lascia a terra per due minuti.  Un’altra vicenda simbolo delle difficoltà dei trasporti aerei in Sardegna: una ragazza oristanese di 16 anni con un tumore, che doveva tornare da Bologna nell’Isola, si è sentita rispondere che l’imbarco alle 6,50 del mattino era chiuso da due minuti. “Il prossimo volo utile per la Sardegna? Fra due giorni”.

Operatori della compagnia irlandese come sempre inflessibili sugli orari di quel volo che doveva portare la ragazza da Bologna ad Alghero. Per fortuna è potuta rientrare in Sardegna in serata, grazie a un’altra compagnia. Ma la storia emblematica, raccontata alla Nuova Sardegna dallo zio che la accompagnava nel viaggio per le sue terapie, fa discutere.


In questo articolo: