Giorgia Meloni taglia il reddito di cittadinanza, che per il M5S aveva abolito la povertà: “E’ una sconfitta, noi porteremo il lavoro”

La Meloni annuncia il taglio del reddito di cittadinanza, a pochi giorni dai selfie di Conte con le carte gialle: “Per chi é in grado di lavorare, la soluzione non può essere il reddito di cittadinanza, ma il lavoro, la formazione e l’accompagnamento al lavoro, anche sfruttando appieno le risorse e le possibilità messe a disposizione dal Fondo sociale europeo. Perche’ per come e’ stato pensato e realizzato, il reddito di cittadinanza ha rappresentato una sconfitta per chi era in grado di fare la sua parte per l’Italia, oltre che per se stesso e per la sua famiglia”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Giorgia Meloni taglia il reddito di cittadinanza, che per il M5S aveva abolito la povertà: “E’ una sconfitta, noi porteremo il lavoro”. Sono già lontani i selfie di Giuseppe Conte in Campania con le carte gialle: la Meloni annuncia alla Camera l’anticamera della fine del reddito di cittadinanza, che sarà riformato e nettamente ridimensionato, se non proprio tagliato. Il più grande ko del M5S, che ha portato più furbetti che neo assunti, sarà presto un triste ricordo:  “Vogliamo mantenere e, laddove possibile, aumentare il doveroso sostegno economico- ha precisato Giorgia Meloni alla Camera- per i soggetti effettivamente fragili non in condizioni di lavorare: penso ai pensionati in difficoltà, agli invalidi a cui va aumentato in ogni modo il grado di tutela, e anche a chi privo di reddito ha figli minori di cui farsi carico. A loro non sarà negato il doveroso aiuto dello Stato. Ma per gli altri, per chi é in grado di lavorare, la soluzione non può essere il reddito di cittadinanza, ma il lavoro, la formazione e l’accompagnamento al lavoro, anche sfruttando appieno le risorse e le possibilità messe a disposizione dal Fondo sociale europeo. “Perche’ per come e’ stato pensato e realizzato, il reddito di cittadinanza ha rappresentato una sconfitta per chi era in grado di fare la sua parte per l’Italia, oltre che per se stesso e per la sua famiglia”. Preoccupanti sembrano invece le dichiarazioni di Giuseppe Conte (“se provano a toccare il reddito di cittadinanza in Italia si scatena la guerra civile”) mentre patetico è il ricordo dell’altro leader del Movimento che ha dimezzato i suoi voti: “Abbiamo abolito oggi la povertà in Italia”, disse un trionfante Luigi Di Maio in una frase che passerà alla storia.

[email protected]

 


In questo articolo: