Giordano Bruno osserva il sottogoverno della città: politici, lavorate

Gianfranco Carboni racconta il blitz di questa mattina: gigantografie fotografiche dove c’era la statua di Giordano Bruno,per una perfetta metafora politica cagliaritana 

Gianfranco Carboni sei di Seui, non ne sai di Cagliari. Viva Giordano Bruno, comunque. Caro Gianni c’è un comunque di troppo: W GIORDANO BRUNO e STOP. Questa questione degli anonimi/a dell’Anonima infastidisce anche me. Detto ciò, caro Vito, ti chiedo ospitalità perché ho deciso di far prendere al mio profilo Facebook un po’ di riposo sulle questioni politiche cittadine. La critica mi dice è ormai una mia ossessione contro il Sindaco insieme con te ed altri 1000 (solamente). Meglio far riposare le menti dalla dietrologia. Giordano Bruno, dicevi Gianni, comunque è finito arso vivo perché professava quello che pensava. Per chiuderla immediatamente uso la metafora del dito e della luna ai signori che si sono accomodati nel sottogoverno della città un consiglio: di iniziare a cercare un lavoro. Non mi permetto di dire come ha detto un amico: che vadano a cercare cartone. E’ esagerato lederebbe le somme maestà del nulla responsabilità, del nulla esperienza, del nulla lavoro. Si scherza potrebbe essere una soluzione. Le tifoserie avverse stanno facendo male e un’esperienza, non parlo personalmente ma con tanti, e che si sia perdendo un’occasione.

Sarà giusto che annunci di lavori triennali, preelettorali, l’Amministrazione ritenga che: i conti si facciano alla fine. Sono di un altro parere. Come dice Piero i buoi sono già scappati. Non ci fidiamo più. Hai voglia di fare. Nel merito del personale di supporto: cari fans del “lavoroinpolitica” permettete un punto di vista, non servono le leccate meglio le tiratine d’orecchie sul merito dei temi e dei problemi. Invece fate intervenire l’artiglieria e vi chiudete nel fortino. Dall’inizio, caro Gianni le esperienze e le conoscenze di Casteddu andavano salvaguardate e coinvolte. Ora l’ultimo atto, a mio avviso permette un volo pindarico, la ricomposizione è stata gestita magnificamente dallo Staff e dal sindaco: giunta composita di provenienza regionale. Comunicazione della rimpastone con annesso annuncio di lavori in due Piazze e una Via del Centro. Chapeau E coinvolgimento del PD che dice altre cose: non abbiamo espresso né nomi né cognomi. Boh! Come si è sentito dire all’Exma introducendo degli interventi del pubblico da parte del Primo cittadino: chi conosco, conosco gli altri mi dicano i nomi e le appartenenze. Appunto mi dica trentatré. Non è dai lavori pubblici che si riprende la città almeno non solo. L’edilizia muove tutto? Sarà. ps sono per intero originario di Seui – Barbagia di Seulo – Ogliastra e mi vanto di ciò. Caro Gianni, da figlio di Ogliastrini (seuesi), a loro volta figli di Ogliatrini (seuesi), a loro volta figli di (seuesi) sappi che miei genitori erano ambedue di Seui, non di Cagliari (riferimento è puramente casuale). E ho preso per intero le usanze tramandatemi. Salutandovi Vito e amico Gianni ti rimando un detto CERCA SEMPRE DI POTER TORNARE DOVE SEI GIA’ PASSATO. In molti possiamo ripassare poi non ne capisco nulla di Casteddu ma non abbiamo (in tanti credici) alcun interesse personale se non la passione. È nato in una bellissima città Casteddu – in Via Sulis angolo via Garibaldi. Auguri di non andare a cercarvi “cartone”. Gianfranco Carboni