Gianluca Dessì, sfida per Villasimius: “Lavoro per le imprese locali”

Intervista al candidato sindaco di “Villasimius unita”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Intervista a Gianluca Dessì, candidato a Sindaco per  ”Villasimius Unita”.

Gianluca Dessì è un imprenditore, ha 40 anni ed è nato a Villasimius. E’ consigliere comunale dal 2001. E’ stato a capo del gruppo di opposizione nell’attuale amministrazione.  

Gianluca Dessì, quali motivi l’hanno portata a decidere di candidarsi a Sindaco?

La mia candidatura è espressione del Circolo ”Villasimius Unita”, che io stesso ho creato per rispondere alle esigenze continue di confronto partecipato richiestomi dalla comunità. Questa volta è stato ancora più facile decidere di candidarmi, mentre la volta precedente è stata quasi una scelta obbligata, per via della prematura scomparsa di Vincenzo Cadoni. Oggi, la richiesta di ripropormi, è arrivata dalla gente comune che sta apprezzando il lavoro e l’apertura del Circolo a tutti indistintamente, di qualsiasi colore politico essi siano. E’ venuto facile far capire che chiunque andrà ad amministrare, lo dovrà fare con e per progetti condivisi. 

Quali progetti ha per il futuro di Villasimius?

E’ impensabile che nel dopo Tore Sanna possa risultare facile amministrare. Per non sbagliare nel prendere decisioni che possano precludere opportunità di crescita, occorrerà condividere le scelte con la nostra comunità. Per fare ciò, occorrerà molto lavoro e tempo. Ecco perché uscirò dall’azienda di famiglia per dedicarmi completamente ai cittadini. Ho sempre messo il massimo impegno nel fare le cose ed i risultati, anche se con qualche difficoltà li ho sempre avuti. Stiamo completando il programma assieme alle 4 commissioni del circolo, composte ognuna da una decina di persone, la cui composizione è la più variegata, con persone di diversa competenza. Esse lavorano attivamente da mesi. Posso anticipare che il progetto principale del circolo è quello di mettere al centro della vita amministrativa la comunità, con progetti condivisi. Dal momento che Villasimius è una delle località più importanti del mediterraneo, e certamente fra le mete più appetibili, punteremo a rafforzare la promozione del nostro territorio. Cercheremo di salvaguardarlo dagli speculatori che per anni hanno abusato dello stesso, lasciando molto spesso le briciole ed ”ecomostri” di difficile abbattimento. Il lavoro e la formazione sono le nostre priorità. Le imprese sono in difficoltà per la mancanza di opportunità dettate dalle scelte di chi ha preferito la velocità di crescita a discapito dell’estetica. Ma soprattutto hanno portato tante imprese dell’hinterland  ad operare nel nostro paese lasciando poco o nulla alle imprese locali. Sempre più si sente l’esigenza di avere personale qualificato, preparato e quantomeno bilingue. Useremo fondi di bilancio per formare i nostri giovani e prepararli per un futuro che li veda protagonisti. Infine, posso anticipare che le strade di penetrazione agrarie e gli accessi al mare dovranno essere degni del nome che portiamo.