Giallo di Macerata, uno dei nigeriani ora confessa: “Pamela l’ho uccisa io”

Uno dei nigeriani confessa: Pamela l’ho uccisa io. E il giallo di Macerata arriva a un momento chiave. La rivelazione è arrivata in esclusiva dal nostro giornale partner Il Resto del Carlino

Uno dei nigeriani confessa: Pamela l’ho uccisa io. E il giallo di Macerata arriva a un momento chiave. La rivelazione è arrivata in esclusiva dal nostro giornale partner Il Resto del Carlino: “Una confessione alla compagna, che era andata in carcere a trovarlo. L’ha fatta Innocent Oseghale, il primo nigeriano fermato per l’omicidio di Pamela Mastropietro. Gli elementi che lo accusano sono dunque sempre di più. Il nigeriano è in carcere dal 31 gennaio, dal giorno stesso in cui furono trovati i resti della ragazza nei due trolley abbandonati sul bordo di una strada isolata a Casette Verdini di Pollenza. L’uomo ha sempre detto di avere incontrato ai giardini Pamela, in cerca di una dose di eroina, di averla messa in contatto con Lucky Desmond, di averla ospitata nella sua mansarda e poi, quando lei si era sentita male dopo l’iniezione, di essere scappato. Ha sempre detto di non sapere nulla dell’omicidio, dell’accanimento sul suo corpo, e persino dei trolley che lui stesso – come un testimone, il tassista che lo ha accompagnato, afferma con certezza – avrebbe portato a Casette Verdini”.


In questo articolo: