Chiuso il campo di calcio del quartiere: Genneruxi in rivolta

Recintato lo sterrato di via Oslo sul quale hanno giocato tanti giovani del rione. Commissione Sport all’oscuro: “Mai visto alcun progetto”. I residenti infuriati: “Recinzioni fatte solo per non far entrare le persone. Ma perché?”

Chiude il campetto del via Oslo a Genneruxi. Residenti in allarme. E i consiglieri? “Non ne sappiamo nulla”. A Genneruxi, in via Oslo, c’è un campo da calcio sterrato frequentato da molti ragazzi di proprietà del comune.

“Non avendo recinzioni o altro è sempre stato di accesso pubblico a tutti”, spiega Mirco Melis, “l’altro giorno hanno messo delle recinzioni. Non si sa però chi le abbia messe”. In aula l’assessore allo Sport Yuri Marcialis aveva annunciato la creazione di un impianto polivalente calcio a 5 e basket, “Tuttavia”, aggiunge Melis, “queste recinzioni fatte sembrano solo atte a non far entrare le persone. La domanda è: chi ha fatto questo lavoro? E quale è il vero motivo?”

“Da qualche giorno l’area è stata recintata”, aggiunge Alessandro Sorgia, consigliere comunale del gruppo Misto ed ex presidente della circoscrizione di Genneruxi, “il problema è stato posto in commissione Sport da me e dal collega Onnis ma neanche il presidente della commissione ne sapeva niente, né tantomeno gli altri commissari. Ho chiesto pertanto la convocazione urgente di apposita commissione al fine di chiedere lumi all’Assessore sullo stato dell’arte. Ritengo un fatto politico molto grave”, aggiunge, “che la commissione competente non venga informata sull’inizio di determinati lavori e non sia stato presentato alcun progetto in proposito. Alla faccia della tanto decantata democrazia partecipata”.


In questo articolo: