“Gattini murati vivi dentro un rudere ad Assemini, rischiano di morire nell’indifferenza di tutti”

Un palazzo abbandonato in via Isonzo “rischia di diventare la tomba di una decina di gatti randagi”. Il racconto-denuncia di due asseminesi, Marta Pusceddu e Alessandra Ledda: “Ci stiamo rivolgendo ai carabinieri, i mici rischiano di morire”. Ma secondo le Guardia Ecozoofile che nel pomeriggio hanno fatto un sopralluogo all’interno dello stabile hanno riscontrato che è invece aperto, e gli animali hanno la possibilità di uscire liberamente

di Paolo Rapeanu

Dieci gatti – forse anche qualcuno di più – “murati vivi”. Dove? Dentro un rudere abbandonato in via Isonzo, ad Assemini. La denuncia – con tanto di video e fotografie – è stata fatta su diversi gruppi Facebook da una donna asseminese, Alessandra Ledda. Insieme a una sua amica, Marta Pusceddu, 36 anni, raccontano a Cagliari Online quello che, a tutti gli effetti, sembra un calvario: “Siamo intervenute avvisando i vigili urbani, ma nella nottata di ieri qualcuno ha murato l’unica finestrella che consentiva ai gattini di uscire e poter essere nutriti. Sappiamo che si tratta di una casa che ha comunque dei proprietari, ma a murare quel piccolo pertugio sono stati dei vicini, perché si dicono infastiditi dalla presenza di topi e blatte”. Un tentativo, le due asseminesi, raccontano di averlo fatto anche rivolgendosi alla politica: “Avevamo proposto a un consigliere comunale di poter prendere i gattini ma avendo un piccolo terreno a disposizione. Io seguo già una piccola colonia”, afferma la Ledda.
Le due donne hanno deciso di rivolgersi ai carabinieri: “Vogliamo sapere se quanto sta accadendo è normale”. Del caso è stato informato anche l’avvocato Gianfranco Piscitelli: “Una mia amica che è anche conoscente delle due donne mi ha chiesto cosa fare. Dalle informazioni che ho posso dire che si tratta di un reato”.
ALLARME RIENTRATO AD ASSEMINI
Le guardie ecozoofile di “Fare e Ambiente” coordinate da Federico Steri dopo la denuncia delle due donne hanno fatto nel pomeriggio un sopralluogo nello stabile e hanno riscontrato che i gatti avrebbero uno spazio dove poter uscire liberamente. Quindi non sarebbero fortunatamente murati vivi.
(ultimo aggiornamento 20:40)

In questo articolo: