Furti nelle spiagge sarde, la polizia sequestra 72 kg di sabbia e 2 kg di conchiglie

La Polizia ha incentivato i controlli negli aeroporti e nei porti sardi al fine di prevenire e contrastare il fenomeno del furto di sabbia e conchiglie dalle spiagge dell’Isola.

La Polizia, durante la stagione estiva che a causa del bel tempo si è protratta fino ad alcune settimane fa, ha incentivato i controlli negli aeroporti e nei porti sardi al fine di prevenire e contrastare il fenomeno del furto di sabbia e conchiglie dalle spiagge dell’Isola.

La Polizia di Frontiera, nel corso della stagione appena trascorsa, è riuscita a requisire oltre 72 kg di sabbia e ciottoli e poco meno di 2kg di conchiglie, sequestrati ai passeggeri, soprattutto stranieri, che tentavano di partire con il prezioso bottino ben occultato tra i bagagli. I litorali più depredati sono stati quelli del Sulcis-Iglesiente e dell’Oristanese e nel periodo in esame sono stati elevati ben 56 verbali, per un totale di euro 56.560,00 (1010 euro a illecito).

Il materiale sottoposto a sequestro amministrativo verrà messo a disposizione della Guardia Forestale per il seguito di competenza.

Chi asporta, detiene, vende anche piccole quantità di sabbia, ciottoli, sassi o conchiglie provenienti dal litorale o dal mare in assenza di autorizzazione è soggetto alla sanzione amministrativa che va da 1.000 euro  fino a 9.296 euro.


In questo articolo: